.
Annunci online

Gianni' s own logbook

28 novembre 2015
Gianni, sei ossessionato dai 5 Stelle!
Mi si rimprovera di attaccare solo i pentastellati e per niente Lega e Forza Italia, che pure sono partiti d' opposizione.
E' vero, verissimo, ma c' è un ottimo motivo: oggi come oggi il M5S è il competitor più serio, più pericoloso per il PD. Stando ai sondaggi, si votasse domani al ballottaggio andrebbero piddini e grillini e la vittoria degli uni o degli altri sarebbe al fotofinish.
Quindi sopportatemi se critico solo i 5 Stelle, perché ne ho ben donde. Del resto non solo i bloggers ma anche i parlamentari pentastellati criticano quasi esclusivamente il PD.




permalink | inviato da gianniguelfi il 28/11/2015 alle 20:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa

25 novembre 2015
Studiate capre grilline, studiate
Sempre più spesso riaffiora nei discorsi dei parlamentari grillini la favoletta che questo parlamento non sarebbe legittimato a riformare alcunché, perché illegittimo a seguito della famosa sentenza della Consulta sul porcellum.
Niente di più falso, ecco ciò che scrisse la Consulta in quella famosa sentenza:


È evidente, infine, che la decisione che si assume, di annullamento delle norme censurate, avendo modificato in parte qua la normativa che disciplina le elezioni per la Camera e per il Senato, produrrà i suoi effetti esclusivamente in occasione di una nuova consultazione elettorale, consultazione che si dovrà effettuare o secondo le regole contenute nella normativa che resta in vigore a seguito della presente decisione, ovvero secondo la nuova normativa elettorale eventualmente adottata dalle Camere. Essa, pertanto, non tocca in alcun modo gli atti posti in essere in conseguenza di quanto stabilito durante il vigore delle norme annullate, compresi gli esiti delle elezioni svoltesi e gli atti adottati dal Parlamento eletto. Vale appena ricordare che il principio secondo il quale gli effetti delle sentenze di accoglimento di questa Corte, alla stregua dell’art. 136 Cost. e dell’art. 30 della legge n. 87 del 1953, risalgono fino al momento di entrata in vigore della norma annullata, principio «che suole essere enunciato con il ricorso alla formula della c.d. “retroattività” di dette sentenze, vale però soltanto per i rapporti tuttora pendenti, con conseguente esclusione di quelli esauriti, i quali rimangono regolati dalla legge dichiarata invalida» (sentenza n. 139 del 1984).

Le elezioni che si sono svolte in applicazione anche delle norme elettorali dichiarate costituzionalmente illegittime costituiscono, in definitiva, e con ogni evidenza, un fatto concluso, posto che il processo di composizione delle Camere si compie con la proclamazione degli eletti.

Del pari, non sono riguardati gli atti che le Camere adotteranno prima che si svolgano nuove consultazioni elettorali.

http://www.cortecostituzionale.it/actionSchedaPronuncia.do?anno=2014&numero=1



permalink | inviato da gianniguelfi il 25/11/2015 alle 15:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (55) | Versione per la stampa

24 novembre 2015
Libero e Fatto Quotidiano uniti nel tranquillizzare i cittadini. Iniziando dai titoli
Fortuna che in due vendono meno di centomila copie:






permalink | inviato da gianniguelfi il 24/11/2015 alle 13:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

16 novembre 2015
Spezzaferro fu facile profeta
"L' INUTILE GUERRA ALL' IRAK CI PORTERA' 100 ANNI DI TERRORISMO ANTIOCCIDENTALE"  parole dette alla vigilia dell' invasione dell' Irak da parte degli angloamericani, da Massimo D' Alema (detto Baffino e anche Spezzaferro).
Gli innumerevoli attentati susseguitisi da allora, dimostrano quanto avesse ragione, poiché è proprio grazie al dissolvimento dell' Irak che ha potuto nascere l' Isis.
Ma i fascioleghisti del Giornale e di Libero, quelli che nel 2002 incitavano alla guerra e accusavano la sinistra di essere amica dei terroristi perché contraria, anziché riconoscere i loro errori (persino Bliar ha riconosciuto che quella guerra fu sbagliata) affermano che questa ondata di terrorismo è in parte colpa della sinistra troppo "buonista".



permalink | inviato da gianniguelfi il 16/11/2015 alle 10:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (42) | Versione per la stampa

10 novembre 2015
Ecco gli slogan grillo-fascio-leghisti

"Basta partiti" "no all' euro" "via dalla Nato", "no alle missioni all' estero", "tutti ladri tutti dentro", "no agli immigrati che rubano il lavoro agli italiani", "basta campi rom" "i terroristi vanno capiti"

Essendo queste le parole d' ordine, gli slogan preferiti dai politici grillo-fascio-leghisti, come stupirsi se il loro elettorato è composto in massima parte da xenofobi, da poveri di spirito, da odiatori di professione, da antiquesto e antiquello, da omofobi, da estremisti di ogni risma, da timorosi di tutto ciò che è nuovo e diverso e da fautori di un Italia isolazionista contraria a una politica di accordi economici e di alleanze politico-militari con altri paesi?
Fortuna che al governo c' è un partito il cui leader ha buon senso da vendere, capace di valutare e distinguere il logico dall' illogico, l' opportuno dall'inopportuno in funzione dei risultati pratici da conseguire.
Un leader che con passo lento ma inarrestabile ci sta portando fuori dal pantano.




permalink | inviato da gianniguelfi il 10/11/2015 alle 17:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa

9 novembre 2015
Urge modificare l' Italicum per includere Sinistra italiana

Dopo che fu sconfitto da Bersani alle primarie del 2012, su FB nacque un gruppo molto nutrito di persone che supplicarono Renzi di uscire dal PD per farsi un partito tutto suo.
Se avesse acconsentito, oggi Renzi anziché Pres. del Consiglio sarebbe a capo di un partitino con percentuali da prefisso telefonico.
Questo per dire quanto sia sbagliata la decisione di chi è fuoriuscito dal PD, per fondare un raggruppamento destinato ad ottenere non più del 3-4% dei consensi.

Tuttavia, per vincere le elezioni del 2018, che stando agli attuali sondaggi si risolveranno al fotofinish, anche quel 4% tornerà utilissimo. Ecco perché è necessario modificare l' Italicum assegnando il premio di maggioranza alla coalizione e non più alla lista.
Solo cosi, nel caso del probabile ballottaggio, quegli elettori che al primo turno avranno votato Sinistra Italiana, cosi si chiamerà il partito dei fuoriusciti, torneranno alle urne. In caso contrario rimarranno a casa, o magari voteranno M5s




permalink | inviato da gianniguelfi il 9/11/2015 alle 9:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

4 novembre 2015
Ecco cosa i 5 Stelle dicevano dell' Italicum...
Quando fu approvata la definirono una legge vergognosa, peggio del porcellum, fatta apposta per far perdere il M5S. Oggi che un parlamentare piddino ha proposto di cambiarla, la difendono a spada tratta sostenendo che la si vuol cambiare per farli perdere




permalink | inviato da gianniguelfi il 4/11/2015 alle 12:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa

2 novembre 2015
La verità sulla diminuizione della disoccupazione
Non è vero che la disoccupazione è scesa, protestano in coro grillini e leghisti vari. Perché l' Istat dice che gli inattivi (coloro che non cercano più lavoro) sono aumentati e gli occupati diminuiti.
E' vero, com' è possibile che l' Istat certifichi la diminuizione della disoccupazione, in presenza di quei dati sugli inattivi e gli occupati?
Il busillis è presto spiegato: perché il dato sulla disoccupazione è riferito agli ultimi 12 mesi (sett.2014-sett. 2015), mentre quello sugli inattivi e gli occupati è riferito all' ultimo mese (ago.2015-sett.2015). Quindi, nonostante nei 30 gg. che vanno da agosto a settembre 2015 la situazione sia leggermente peggiorata, su base annua la disoccupazione è scesa.



permalink | inviato da gianniguelfi il 2/11/2015 alle 14:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

sfoglia ottobre        dicembre