.
Annunci online

Gianni' s own logbook

3 febbraio 2016
Altro cambio di indirizzo
Ragassuoli prendete nota, non scriverò più sul Cannocchiale né su Wordpress. Il mio nuovo indirizzo, stavolta definitivo, è http://gianniguelfiblog.blogspot.it
Perciò, parafrasando un famoso detto, "chi mi ama mi mandi affanc...costà"
Prosit.




permalink | inviato da gianniguelfi il 3/2/2016 alle 22:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

28 gennaio 2016
Ecco il nuovo indirizzo
http://gianniguelfiblog.wordpress.com

Per qualche giorno però continuerò a scrivere anche qua. O meglio, copiaincollerò qua l' articolo scritto su wordpress. Prosit.



permalink | inviato da gianniguelfi il 28/1/2016 alle 22:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa

27 gennaio 2016
Debbo cambiare piattaforma?
Le numerose interruzioni del servizio offerto dalla piattaforma del Cannocchiale, mi hanno stufato. E penso abbiano stufato anche molti lettori del blog. Lancio quindi un minisondaggio per sapere da loro se debbo cambiare e scegliere un' altra piattaforma.
Grazie a chi vorrà darmi il suo parere.

Gianni



permalink | inviato da gianniguelfi il 27/1/2016 alle 14:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa

21 gennaio 2016
E ora come faremo senza più Razzi Scilipoti e Giovanardi?
Approvata la riforma del senato. La prossima legislatura avremo solo 100 senatori, tutti eletti dai consigli regionali su indicazione degli elettori. Quindi, a meno che non si candidino in qualche regione, nel prossimo parlamento non ci saranno più dei veri campioni quali Razzi, Scilipoti e Giovanardi. Chissà se riusciremo a sopravvivere...



permalink | inviato da gianniguelfi il 21/1/2016 alle 12:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa

19 gennaio 2016
Stavolta Charlie Hebdo ha fatto veramente schifo


Questa vignetta pubblicata su Charlie Hebdo, insinua che se fosse sopravvissuto, da grande Aylan, il bambino siriano di due anni trovato morto su una spiaggia turca, avrebbe molestato le donne europee. Ma si può essere più stronzi di cosi? Va bene la libertà di stampa, ma tirare in ballo un povero bambino morto è proprio da stronzi.



permalink | inviato da gianniguelfi il 19/1/2016 alle 16:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (25) | Versione per la stampa

9 gennaio 2016
Ma noi uomini italiani non abbiamo motivo di sentirci superiori

Se vai in giro, specialmente la sera tardi, abbigliata in modo da lasciare il viso, le braccia e parte delle gambe scoperte, cioè vestita all' occidentale, e senza la compagnia di un uomo, significa che sei "immodesta" perché le tue grazie, poche o tante che siano, dovresti mostrarle solo in famiglia, meglio se a un marito. Se invece le rendi visibili agli estranei, vuol dire che sei disposta a cederle al primo che passa. Quindi non ti lamentare se il primo maschio che incontri si sente autorizzato ad approfittarne.

Questo aberrante modo di giudicare le donne è molto diffuso tra gli uomini arabi, sopratutto tra quelli delle classi meno abbienti e quindi poco acculturate. Ed è stata la causa che ha indotto tanti giovani nordafricani a molestare decine di donne a Colonia ed in altre città. Ma non solo in Europa si comportano cosi. La notte della caduta di Mubarak molte ragazze egiziane recatesi in piazza Tahrir per festeggiare, vennero molestate e alcune persino stuprate dai loro coetanei maschi. E sono certo che nessuna di loro indossava il niqab, ma fossero tutte vestite in modo "immodesto".

Tuttavia, visto l' alto numero di donne che ogni anno da noi vengono picchiate o uccise dai loro compagni maschi, noi uomini italiani non abbiamo nulla di cui andare fieri o sentirci superiori agli arabi. Un esempio: in molti paesi arabi lo stupro è reato. Ma se la vittima accetta di sposare il suo violentatore, il reato si estingue. Ovviamente nessuna rifiuta, spinta, anzi costretta com' è dai suoi famigliari, con la scusa di salvare l' "onore" della famiglia. La poveretta sarà cosi condannata a convivere col suo aguzzino per il resto della vita. Sembra una legge medievale ed in effetti lo è, ma quanti sanno che in Italia una legge praticamente identica venne abolita solo nel 1981? E' solo dall' altro ieri dunque e non dall' Ottocento che lo stupro in Italia è considerato reato contro la persona e quindi sempre perseguibile.

In conclusione, per evitare il ripetersi di casi come quelli di Colonia e di piazza Tahrir bisogna educare e se necessario obbligare i maschi, con le buone o le cattive, a rispettare le donne. Non costringere queste ad andare in giro coperte dalla testa ai piedi.




permalink | inviato da gianniguelfi il 9/1/2016 alle 13:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (83) | Versione per la stampa

30 dicembre 2015
La farsa della democrazia diretta grillina.

Su Repubblica di oggi Sebastiano Messina fa notare come Grillo trovi sempre il tempo di indire consultazioni tra gli iscritti quando vuole cacciare uno dei suoi, e quasi mai quando c' è da chiedere il parere ai suoi elettori su questa o quella legge in via d' approvazione. Nessuno li ha consultati per sapere se erano a favore o meno del jobs act, dell' Italicum, della riforma del senato o di quella della scuola. Si dirà che il no era scontato, tuttavia non è una buona scusa per soprassedere e comunque sarebbe stato interessante conoscere le percentuali.

Ma non solo sulle leggi, nemmeno sull' alleanza con Farage o sui nomi da mandare alla Consulta, al CdA Rai o al CsM è stato chiesto agli iscritti cosa ne pensassero.
Ne consegue che la famosa democrazia diretta in salsa grillina, dei parlamentari a 5 Stelle meri esecutori dei voleri del popolo, non esiste e quando c' è è una farsa. Perché sono i due caporioni a decidere se e su cosa consultare gli iscritti. Alla faccia del popolo.




permalink | inviato da gianniguelfi il 30/12/2015 alle 14:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa

28 dicembre 2015
I due cafoni
L' abitudine di storpiare i nomi degli avversari politici, o semplicemente di chi ci è antipatico, pensando cosi di ridicolizzarli, denota solo la beceraggine e la volgarità di chi la pratica. Il maestro nella storpiatura dei nomi degli avversari del padrone era Emilio Fede, il servo di Berlusconi.
Sparito lui dalle cronache, Travaglio e Grillo ne hanno orgogliosamente raccolto l' eredità.
Ecco alcuni esempi del Duo:
Testa di Chicco (Chicco Testa) Vuotelli (Rutelli) Campo Dall' Orbo (Campo Dall' Orto), il primo
Pisapippa, Renzie, il secondo.

Entrambi sono convinti di far ridere, invece sono solo due gran cafoni alla ricerca dell' approvazione dei cafoni che li leggono.




permalink | inviato da gianniguelfi il 28/12/2015 alle 21:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

24 dicembre 2015
Buon Natale e felice Anno Nuovo a tutti!



permalink | inviato da gianniguelfi il 24/12/2015 alle 13:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

22 dicembre 2015
Renzi ha ragione, il 43% dei 5 Stelle era assente al voto finale

Ma Renzi non ha tutti i torti nel dire che i 5 Stelle l' opposizione la fanno in tv e molto poca in Aula

Ecco i votanti per gruppi alle due votazioni sulla legge di stabilità, svoltesi nella notte tra sabato e domenica. Nella prima i 5 Stelle assenti erano 39, pari al 42.9% del totale:
http://www.nextquotidiano.it/wp-content/uploads/2015/12/grillini-assenti-3.jpg
Nella seconda votazione gli assenti pentastellati erano 42, ovvero il 46.2% del totale del gruppo.
http://www.nextquotidiano.it/wp-content/uploads/2015/12/grillini-assenti-5.jpg



permalink | inviato da gianniguelfi il 22/12/2015 alle 10:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

16 dicembre 2015
Ntu culu a Brunetta
Il capogruppo di Forza Italia alla Camera oggi ha passato il segno. Non ha smesso un attimo di offendere e interrompere Renzi, definendo "marchette elettorali" alcuni provvedimenti della legge di stabilità. Per tutta risposta Renzi ha mandato all' aria l' accordo con Forza Italia sui giudici costituzionali, e ne ha fatto uno con il M5S. Questo è il bel risultato ottenuto dal capogruppo del partito di Berlusconi alla Camera.





permalink | inviato da gianniguelfi il 16/12/2015 alle 17:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa

15 dicembre 2015
Il padrone del M5S espelle tre suoi consiglieri livornesi
La colpa? Avevano votato contro la maggioranza sull' atto di indirizzo deliberato dalla giunta Nogarin per avviare il percorso di concordato preventivo in continuità di Aamps, la municipalizzata che svolge il servizio di igiene ambientale e raccolta rifiuti a Livorno.
Nel PD diversi parlamentari hanno votato e votano in dissenso dalla maggioranza, ma nessuno li caccia e i pochi che se ne sono andati lo hanno fatto di loro spontanea volontà.
Questa storia dimostra che l' aver tolto il suo nome dal simbolo non cambia nulla, il padrone è sempre lui, Grillo.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/12/14/rifiuti-livorno-m5s-espelle-tre-consiglieri-dissidenti-avevano-votato-contro-maggioranza/2304256/




permalink | inviato da gianniguelfi il 15/12/2015 alle 17:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

11 dicembre 2015
Grazie al governo salvi un milione di correntisti
Una recente direttiva della UE vieta ai governi di salvare gli istituti di credito con soldi pubblici (com' è stato il caso del MPS), addossandone i costi ai loro clienti che si suppone più agiati, azionisti e acquirenti di obbligazioni subordinate, eccettuati i semplici correntisti. Vale a dire coloro i quali hanno cifre modeste sul conto.
Ed è quello che il governo ha fatto: l' applicazione della direttiva ha cosi impedito che le quattro banche fallissero, bruciando i risparmi non sono degli investitori succitati (10500 in tutto) ma anche quelli dei correntisti (poco meno di un milione). Salvando in aggiunta alcune migliaia di posti di lavoro tra dipendenti di banche e imprese. Il tutto senza spendere soldi pubblici.

Molti degli obbligazionisti colpiti rifiutano di essere chiamati speculatori. Ed in effetti è difficile definire cosi chi aveva investito 30-50 mila euro in quelle obbligazioni. Ma in un periodo in cui Bot e Cct pagano interessi dello zero virgola, quel 3-5% promesso da quel tipo di prodotto avrebbe dovuto metterli in guardia.




permalink | inviato da gianniguelfi il 11/12/2015 alle 13:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa

1 dicembre 2015
Ecco perché il parlamento non riesce ad eleggere i giudici della Consulta
I 15 giudici costituzionali sono eletti per un terzo dal PdR, un terzo dalle supreme magistrature e un terzo dal parlamento. Ecco cosa prescrive l' art. 135 della Costituzione.
Orbene, sono oramai parecchi mesi che il parlamento non riesce ad eleggere i 3 giudici mancanti di sua spettanza, perché i 5 Stelle non sono disposti a votare per candidati che in passato hanno militato in qualche partito. Chiedono dei candidati superpartes, quindi dei tecnici.
Non riflettono che ad eleggere dei tecnici ci pensano già il PdR e le magistrature e che il parlamento ha tutto il diritto di scegliere qualche ex senatore o deputato, non importa il partito di provenienza, che possa rappresentarlo tra i supremi giudici. Dopotutto se i Costituenti decisero che un terzo dei giudici li dovesse eleggere il parlamento, è perché volevano che anche l' unico organo istituzionale eletto dal popolo fosse rappresentato da qualche suo (ex) componente in seno alla Consulta. O no?



permalink | inviato da gianniguelfi il 1/12/2015 alle 9:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa

28 novembre 2015
Gianni, sei ossessionato dai 5 Stelle!
Mi si rimprovera di attaccare solo i pentastellati e per niente Lega e Forza Italia, che pure sono partiti d' opposizione.
E' vero, verissimo, ma c' è un ottimo motivo: oggi come oggi il M5S è il competitor più serio, più pericoloso per il PD. Stando ai sondaggi, si votasse domani al ballottaggio andrebbero piddini e grillini e la vittoria degli uni o degli altri sarebbe al fotofinish.
Quindi sopportatemi se critico solo i 5 Stelle, perché ne ho ben donde. Del resto non solo i bloggers ma anche i parlamentari pentastellati criticano quasi esclusivamente il PD.




permalink | inviato da gianniguelfi il 28/11/2015 alle 20:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa

sfoglia gennaio