.

Gianni' s own logbook

30 settembre 2014
Ma l' art.18 pensato da Renzi è identico a quello della Fornero
Molto rumore per nulla, è questo l' unico commento possibile alla movimentata direzione del PD di ieri. Per nulla, giacché mantenendo la possibilià di reintegro anche per licenziamento dovuto a motivi disciplinari, praticamente Renzi non ha fatto altro che confermare la riforma Fornero.
La quale prevede il reintegro per licenziamenti dovuti a motivi discriminatori e disciplinari, eccettuando solo quelli economici.
La stessa cosa detta da Renzi ieri.
E allora perché tutto questo trambusto?


g



permalink | inviato da gianniguelfi il 30/9/2014 alle 15:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

29 settembre 2014
Udite, udite: il ragazzo della Pascale è favorevole ai matrimoni gay
Non solo, ma pare sia d' accordo anche alle adozioni per gli omosex. Cosi almeno riferisce la sua morosa. Se è vero, è una posizione che lo pone ancora più a sinistra di Renzi, il quale è fermo alle unioni ma non ai matrimoni. Figuriamoci alle adozioni.
Da un partito che si proclama liberale, questo punto di vista non dovrebbe costituire una eccezione ma la norma. I veri liberali infatti sono tali non solo in economia, ma sopratutto in tema di diritti civili. Sta di fatto che in tutti questi anni Forza Italia è stata tutt' altro che liberale. Ricordiamoci gli attacchi a Peppino Englaro per il dramma della figlia.
Ora resta da vedere se il "ragazzo" riuscirà a convincere il partito, sopratutto i Gasparri e le Santanché, a seguirlo su quella strada.
Brava comunque la Pascale per aver messo la questione al centro del dibattito in F.I.

g



permalink | inviato da gianniguelfi il 29/9/2014 alle 12:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

28 settembre 2014
Il ciabattino Della Valle non critichi più su delle ciabatte
Sutor, ne ultra crepidam! (Ciabattino, non giudicare più su della scarpa!)

Racconta Plinio il Vecchio che il famoso pittore greco Apelle usasse esporre i suoi dipinti sulla pubblica via, in modo da trarre profitto dalle critiche dei passanti.
Avendo un calzolaio criticato il modo in cui in un quadro era stato rappresentato il sandalo di un personaggio, Apelle corresse subito quel particolare. Il giorno dopo il ciabattino, visto che la sua critica era stata accolta, si mise a criticare anche la rappresentazione del ginocchio di quel personaggio; a quel punto l'artista lo apostrofò con la frase divenuta poi proverbiale.

Il consiglio vale anche per Della Valle. Il quale si è permesso di dare del sòla (imbroglione, in dialetto romanesco) a Renzi accusandolo di non aver fatto nulla di quanto promesso e di non aver mai lavorato in vita sua.
Il ciabattino evidentemente ignora che mentre il parlamento è letteralmente intasato di ddl e pdl governativi in attesa di discussione/approvazione, i parlamentari sciupano, inutilmente, ben 14 sedute per eleggere due giudici costituzionali. Tempo che avrebbe potuto essere impiegato più proficuamente occupandosi dei suddetti provvedimenti. Quindi sono semmai le camere a dover essere criticate.

Infine l' accusa di non aver mai lavorato. Qualcuno dica al ciabattino che occuparsi del bene altrui, questo significa fare politica, e Renzi la fa da sempre, cosi come tutti gli altri politici di professione, è occupazione molto più nobile del fare babbucce per tornaconto personale.

Morale della storia: il ciabattino Della Valle si limiti a criticare le calzature di Renzi se crede, ma lasci perdere il resto.

g




permalink | inviato da gianniguelfi il 28/9/2014 alle 8:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

26 settembre 2014
Renzi parla inglese meglio degli americani!
Eccolo esprimersi perfettamente nella lingua di Shakespeare, in un' intervista effettuata durante il suo viaggio negli USA. A questo LINK è come l' hanno capito gli americani. I quali, notoriamente, parlano un inglese che con quello del Bardo non ha nulla da spartire. Amici americani, sarebbe ora imparaste il VERO inglese!




permalink | inviato da gianniguelfi il 26/9/2014 alle 9:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

24 settembre 2014
Il popolo ha poi premiato il M5S alle europee?
Gli attacchi e le accuse dei pentastellati al PD per essersi accordato con Berlusconi, non accennano a diminuire.
Eppure, fin dal giorno successivo alle elezioni del 2013, proprio loro, con i ripetuti no a Bersani Letta e Renzi, han fatto di tutto perché quell' accordo si facesse, sicuri che i cittadini li avrebbero poi premiati alle prime elezioni utili.
Ebbene li abbiamo accontentati ma invece di ringraziarci ci insultano. Ingrati.

g

P.S. Come sono andate le europee, il popolo li ha poi premiati?




permalink | inviato da gianniguelfi il 24/9/2014 alle 15:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

16 settembre 2014
Di Battista insiste a farla fuori dal vaso
In una breve intervista trasmessa da Piazza Pulita, a proposito dell' Isis  e del terrorismo in genere il grillino Di Battista ha confermato quanto disse a metà agosto. E cioè: "se a bombardare il mio villaggio è un aereo telecomandato a distanza io ho una sola strada per difendermi a parte le tecniche nonviolente che sono le migliori: caricarmi di esplosivo e farmi saltare in aria in una metropolitana". Per evitare ciò secondo di Battista un metodo c' è, questo: "il terrorista non lo sconfiggi mandando più droni, ma elevandolo ad interlocutore."

 Premesso che l' ipotetico abitante del villaggio dovrebbe semmai farsi saltare in aria vicino a una caserma del paese proprietario dei droni, e non uccidere persone innocenti mettendosi cosi sullo stesso piano dei suoi aguzzini, ma il deputato dimentica una cosa: che i tagliagole dell' Isis non lottano per l' indipendenza della loro terra, come i ceceni o i baschi, né per liberarla da un oppressore straniero, come i nostri partigiani, bensi per conquistare il potere facendo pulizia etnica dei loro connazionali di fedi e credi diverse dalla loro.
Quindi il mitico Dibba l' ha fatta ancora una volta fuori dal vaso.

g



permalink | inviato da gianniguelfi il 16/9/2014 alle 20:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa

11 settembre 2014
Grillo soddisfatto, il M5S sparito anche dai TG
Non si hanno più notizie dei 5 Stelle. Spariti dai talk show, nei quali si erano seppur col contagocce affacciati, ma anche dai Telegiornali nazionali. Del resto Grillo lo aveva chiesto ai suoi parlamentari di disertare i tg perché diretti da "servi di partito".
Quindi non ascolteremo più nemmeno quelle dichiarazioni rilasciate dai parlamentari grillini, agli inviati dei tg in piazza Montecitorio.
E se non andranno più in tv come faremo, come faranno i cittadini, sopratutto quelli che hanno votato 5 Stelle, a conoscere le iniziative del Movimento?

Cliccando sul blog di Grillo, ovviamente. Dove le notizie, naturalmente solo quelle favorevoli alla causa, vengono date senza possibilità di contradditorio da parte di chicchessia.
Senza contare che ad ogni clic i conti in banca di Grillo e Casaleggio lievitano.

g



permalink | inviato da gianniguelfi il 11/9/2014 alle 10:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa

9 settembre 2014
Passo dopo passo (ma la musica dov' è?)
Passo dopo passo è il sito aperto dal governo sul quale potrete trovare tutte le informazioni sulle riforme, quelle approvate, quelle in itinere e quelle future. C' è anche uno scadenziario dei giorni mancanti ai mille indicati da Renzi, entro i quali tutte le riforme dovranno essere completate. Una pagina davvero utilissima, sulla quale però Altan su Repubblica non ha mancato di ironizzare da par suo.






permalink | inviato da gianniguelfi il 9/9/2014 alle 8:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa

3 settembre 2014
E c' è ancora chi ciancia di dittatura del governo...
Il sistema introdotto da Renzi, quello di sottoporre a consultazione popolare i pdl prima che il CdM li approvi definitivamente, è insieme innovativo e altamente democratico.
Innovativo perché nessun governo lo ha mai fatto prima d' ora, democratico perché coinvolge non solo gli addetti ai lavori ma anche la gente comune. Consentendo loro di esprimere critiche o proporre migliorie, che toccherà poi al governo vagliare ed eventualmente accogliere.

Il sistema è stato usato per la ristrutturazione degli edifici scolastici, per la riforma della giustizia, e ora lo sarà per quella della scuola. Dal 15 settembre al 15 ottobre, insegnanti famiglie e studenti potranno inviare pareri e suggerimenti al governo su come migliorare il sistema scolastico.
Alla faccia di chi ciancia di dittatura del governo Renzi.

g



permalink | inviato da gianniguelfi il 3/9/2014 alle 14:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

30 agosto 2014
Il Falso Quotidiano sempre più falso
Panna Montata, questo il titolo d' apertura. Ma la panna a cui si allude non è quella sul gelato che nella foto tiene in mano Renzi, bensi ai provvedimenti annunciati ieri dallo stesso.
Veniamo ai sottotitoli:

SBLOCCA ITALIA: Annuncia 43 mld. di cantieri. Ma si scopre che si tratta di fondi già stanziati e per importi molto minori. Pie illusioni?
E di grazia come l' hanno scoperto i falsoni che si tratta di fondi già stanziati, grazie a un indagine di qualche loro perspicace collaboratore? Macché, l' hanno scoperto da Renzi stesso, il quale ha sempre detto trattarsi di somme già stanziate da precedenti governi ma ferme per intoppi burocratici.

GIUSTIZIA CIVILE: Anche qui fuochi d' artificio: "Si dimezzeranno i processi". Almeno in questo caso, però, esiste un testo scritto.
GIUSTIZIA PENALE: Per ora 7 disegni di legge. Intercettazioni, prescrizione e falso in bilancio
.

Epperché i falsoni non spiegano che il motivo per il quale in un caso esiste già un testo e non nell' altro?
Lo spiego io, perché per ridurre più velocemente l' arretrato dei processi civili (lo scandalo dei 5 milioni di processi pendenti) si è ricorsi a un decreto legge che dovrà essere approvato entro 60 gg. I provvedimenti sul penale invece sono sottoforma di ddl, affinché il parlamento abbia il tempo necessario per emendarli a piacimento.
Silenzio totale invece sull' adozione della normativa europea in fatto di appalti.

Ma veniamo al re dei falsoni, Travaglio, e al suo pippone quotidiano dedicato interamente ai provvedimenti sulla giustizia
.
Malgrado i sottotitoli ne parlino, il falsone dimentica a bella posta di ricordare il provvedimento principale sul tema giustizia, quello sulla drastica riduzione dei processi civili. Poi si vanta di essere obbiettivo ed imparziale...
Si occupa invece di prescrizione, falso in bilancio, autoriciclaggio, lamentando che su questi temi sia tutto un "faremo, vedremo, deleghere
-
mo: zero assoluto".
E' chiaro che lui avrebbe di gran lunga preferito che anche su questi temi Renzi procedesse a colpi di decreti legge, affinché i suoi amichetti grillini potessero gridare alla dittatura della maggioranza che priva il parlamento dei suoi poteri.
Inoltre non è vero che l' Europa ci abbia chiesto di bloccare la prescrizione al momento del rinvio a giudizio, come sostiene Travaglio. Ci ha solo chiesto di "agire" su quell' istituto. Ebbene Renzi lo ha fatto, la prescrizione si bloccherà dopo la condanna in primo grado.

Altro sputacchio del falsone è quello di un presunto "bavaglino sulle intercettazioni per avvocati, giornalisti e cittadini."

Detta cosi sembra che Renzi abbia imposto un limite alle intercettazioni. Invece è il divieto ai giornali di pubblicare fatti che, all' interno di una intercettazione, non costituiscono reato. Questo al fine di tutelare la privacy di persone non indagate. Cosa c' è che non va in ciò, ce lo può dire Travaglio?
Senza contare che anche le misure sulle intercettazioni fanno parte della legge delega e quindi se il parlamento lo riterrà potrà modificarle
.

g



permalink | inviato da gianniguelfi il 30/8/2014 alle 10:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

29 agosto 2014
Cresce tra gli italiani l' amore per il PD e il suo leader








permalink | inviato da gianniguelfi il 29/8/2014 alle 15:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

27 agosto 2014
Le fatwe del califfo barbuto
Il MoVimento 5 Stelle non apre a Renzie, non bacchetta Di Battista e non è pronto a votare nessuna misura urgente per l’economia insieme a lui. Chi afferma il contrario non ha capito nulla del M5S.

Riforma Orlando fatta per i ladri. Non ci vendiamo. Non parteciperemo a discussioni, nessuna trattativa. Orlando
è un manichino senza dignità. Che credibilità può avere un ministro del genere? Da chi prende ordini e, soprattutto, cosa c'entra con la giustizia?


Con queste due fatwe il califfo genovese ha deciso di impedire ancora una volta ai 5 Stelle ogni trattativa con il governo. Evidentemente un M5S capace di dare il suo contributo alle riforme, pienamente inserito nel gioco della mediazione politico/istituzionale, gli avrebbe fatto perdere visitatori, e quindi denari, al blog. Mentre è dimostrato che più gli articoli su quella pagina sono urlati, pieni di invettive contro tutto e tutti, più attraggono visitatori. Articoli che evidentemente Grillo non potrebbe più scrivere se il M5S diventasse interlocutore a pieno titolo della maggioranza e del governo.

g



permalink | inviato da gianniguelfi il 27/8/2014 alle 14:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

22 agosto 2014
Sondaggio sui primi sei mesi di governo Renzi
Ha operato bene, passabilmente oppure è stato un disastro?  SONDAGGIO CHIUSO (il sondaggio verrà chiuso alle 22)

Poll: Giudica i primi 6 mesi di Renzi



Risultati:


Anche creare un sondaggio? Fare clic su Qui



permalink | inviato da gianniguelfi il 22/8/2014 alle 12:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

20 agosto 2014
Ma davvero tutte le guerre sono ingiuste e/o inutili?
Molti negano l' esistenza di guerre giuste e necessarie, perché alla fine entrambi i contendenti avranno subito cosi tanti danni che sarà difficile distinguere tra vinti e vincitori.
Non sono d' accordo.
Le guerre giuste esistono eccome, sono tutte quelle combattute dalle democrazie in risposta ad atti ostili di nazioni che democratiche non sono.
Con un' unica eccezione della quale dirò poi, le democrazie non hanno mai iniziato una guerra ma vi sono sempre state tirate dentro per i capelli, per cosi dire. Senza scomodare la seconda guerra mondiale, combattuta da Francia e Inghilterra in risposta all' occupazione nazista della Polonia, tutti i conflitti del dopoguerra hanno avuto quell' antefatto.

Cosi è stato per le guerre di Corea e del Vietnam, combattute dagli americani dopo che i nord di quei paesi avevano invaso i rispettivi sud. Cosi per la prima guerra del Golfo, dopo che Saddam aveva invaso il pacifico Kuwait. Cosi per le ricorrenti guerre scatenate da Israele contro i suoi vicini, sempre in risposta ad attacchi di questi ultimi.
Si potrà ragionare se la risposta fu sempre "congrua" alla gravità di atti ostili ricevuti, ma questo è un altro discorso.
Anche il bombardamento della Serbia da parte di aerei Nato e l' attuale intervento di aerei USA contro i macellai dell' Is furono e sono più che giustificati, dato che servirono e servono ad evitare genocidi di musulmani bosniaci nel primo caso e cristiani nel secondo. Entrambi atti bellici umanitari.

L' unica macchia nera, indelebile, nei curricula delle democrazie fu invece la seconda guerra del Golfo scatenata da Bush figlio. Una guerra che ancora grida vendetta al cielo e che ha lasciato una interminabile scia di attentati, iniziati già il giorno dopo la cessazione del fuoco, con migliaia di morti dietro di sé. Una sporchissima guerra alla quale dobbiamo l' attuale macelleria irachena, l' unica dichiarata da una democrazia non in risposta a un atto ostile, ma fondata su una ignobile menzogna.

g





permalink | inviato da gianniguelfi il 20/8/2014 alle 8:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (22) | Versione per la stampa

14 agosto 2014
I tappettini di Renzie
Bah, io non credo a quanto riportato dai pennivendoli di regime sui loro fogliacci, tutti tappettini di Renzie, secondo i quali anche il pil della Germania nel secondo trimestre sarebbe calato dello 0.2%
Secondo me è una notizia falsa, scritta apposta per non far sfigurare troppo l' Ebetino, mentre in realtà la Germania sarà cresciuta almeno dell' 1%.
Non c' è nessuno qui che sia in grado di leggere i quotidiani tedeschi e possa ristabilire la verità?

g



permalink | inviato da gianniguelfi il 14/8/2014 alle 10:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (22) | Versione per la stampa

sfoglia agosto